Libero

giovannella12

  • Donna
  • 49
  • catania
Sagittario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita giovannella12 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Questa donna, piena di attrattive, era straordinariamente intemerata, il suo corpo bruno, nel quale si vedeva circolare, dalla trasparenza degli occhi e delle labbra, un sangue di fuoco, una contrazione di pudore le arrestava tutto il sangue nel petto, quasi che quell'elemento profumato e pulsante di giovinezza fosse per lei la parte più vergognosa da nascondere con tutte le cure.....

Su di me

Situazione sentimentale

convivenza

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. le cassate siciliane
  2. il profumo del mare di Catania
  3. nessuna

Tre cose che odio

  1. le telefonate anonime
  2. la crudelta' verso chi non si puo' difendere
  3. giu' le mani dai bimbi e dagli animali

I miei interessi

Libro preferito

La mennulara

NO ALLA PEDOFILIA

Vi lancio una sfida! Nel mondo dei blog siamo numerosi, però, possiamo riuscirci a far girare un messaggio a tutti ed è per una causa buonissima ANTIPEDOFILIA! perchè episodi su tanti bambini siano solo un brutto ricordo per tutti. Daremo un segnale... CREDIAMOCI INSIEME! Ricopiate sul vostro blog questo stralcio e vediamo quanti di noi riescono realmente a dar vita a questa campagna e, dopo averlo copiato, aggiungete la vostra firma... come dire   

  IO CI  STO !

Combattiamo insieme

Goldrake-Actarus-Neruda74s-Antonio-missfiore-ladyviolet991-navyseal2006-sersir82-lamollysonoio-sto_come_i_pazzi-frankd8-ladyoscar797-NKcells-giovannella12

Ficarra & Picone

IL GENIO E' DOMINATO DAL CAOS..

Il ballo di San Vito

MOKARTA

NOI SICILIANI SIAMO SOGGETTI AD AMMALARCI DI NOI STESSI, UN MALE CHE CONSISTE NELL'ESSERE CONTEMPORANEAMENTE IL FEBBRICITANTE E LA FEBBRE, LA COSA CHE SOFFRE E CHE FA SOFFRIRE..
 

L'AMORE NON E' MAI PIU' FEROCE DI QUANDO PENSI CHE STIA PER LASCIARTI..

I don't know

Catania

Che bedda Catania, Catania di notti
iu sentu ca u cori m'abbatti chiù forti
ndè strati, ndè chiazzi e intra i cuttigghi
Catania fà a matri e annaca i so figghi
poi l'alba d'argentu s'ammisca cò mari
Catania è a genti ca si usca u pani
ma quannu s'arrobba e si isunu i manu
Catania s'incazza e diventa vulcanu.

Catania è 'na pupa, capiddi castani,
labbra carnusi e l'occhi ruffiani
e quannu mi sapi luntanu du iorna
ca so vuci d'angilu mi rici torna
Catania umiliata, trattata cche peri
s'attrucca e si pettina pe' furasteri
e quannu c'ancontra du ziti filici
Catania romantica li binidici

Musica, c'è musica Catania abballa
restu ca vucca apetta a taliarla
chi bellu pettu chi formi, Catania ca non dormi
Musica, chi musica Catania sona
e si ndò menzu qualchedunu stona
fa 'na battuta schirzusa, Catania è spiritusa.

Che bedda Catania, Catania di notti
cu attracca, cu vivi e cu fa cosi storti
Catania è pueti, finomeni e geni
gilusa picchì pi nuautri ci teni
Catania cò Suli macari ndo nvernu
Catania figghiozza do Patri Eternu
si porta a braccettu l'amicu liotru
fra uduri di chiummu, di zagari e citru

Musica, c'è musica Catania canta
tutti cò saccu sta passannu a Santa
varda Catania che lesta, cu l'abitu da festa.
Musica, chi musica Catania ardita
o stadiu soffri e vinci a so partita
stanca ci abbruciunu l'occhi, s'appinnica nde scogghi.

Catania da guerra, Catania urricata,
distrutta e pì setti voti rinata
non c'entrunu i sordi, non c'entra a furtuna
Catania ndo Munnu ci nnè sulu una.
, , , , , , , , , , , , ,