Libero

imperatoreghiaccio

  • Uomo
  • 59
  • Sanremo
Pesci

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 59.196

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita imperatoreghiaccio a scrivere un Post!

Mi descrivo

io sono come la polvere: inconsistente, etereo ed eternamente inutile...

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

arrogante, presuntuoso, permaloso, suscettibile, egoista, edonista, egocentrico, megalomane, urticante, impaziente, irriverente, irrispettoso, goloso, perverso, peccaminoso, sensuale, inusuale... incompiuto e perfetto

I miei difetti

arrogante, presuntuoso, permaloso, suscettibile, egoista, edonista, egocentrico, megalomane, urticante, impaziente, irriverente, irrispettoso, goloso, perverso, peccaminoso, sensuale, inusuale... compiuto e imperfetto

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. gemiti
  2. fremiti
  3. brividi

Tre cose che odio

  1. sciogliere
  2. scongelare
  3. sbrinare

I miei interessi

Libro preferito

La Stirpe del Ghiaccio

Film preferito

Il Corvo

senza.anima

Photobucket

 

Ciò che m’attira di più in una donna è la sua intelligenza.
Adoro chi stimola la mia curiosità.

Un discorso intelligente,

mi seduce e mi irretisce i sensi,

perché c’è più lussuria in un pensiero vestito,

che nell'unione di pelle, di fiato e persino di carne.

 

 

Nell'antro del drago

Photobucket

.

Un vento gelido che gli mangiava le carni, strappandole dalle ossa. Fu quella la sensazione che, per prima, aggredì i suoi sensi annebbiati non appena fu tornato cosciente del mondo. Vento e poi neve, tanto gelo. Fiocchi pesanti e fitti che lo colpivano ovunque, batuffoli che dirompevano bastonando l’epidermide, acuendo il gelido tocco del turbine. Lentamente, in un tempo che gli parve infinito, la nebbia che avvolgeva i suoi pensieri iniziò a diradarsi, e le sensazioni vaghe e confuse che già avevano cominciato a blandire i margini più esterni della sua coscienza divennero sempre più chiare e distinte. Il freddo mordeva con ferocia, affondando i suoi affilati denti, nella pallida carne, le prime piaghe si aprirono sul volto, squarciando la cute ormai arresa, lasciando stillare il sangue. La gelida morsa lo avvolgeva completamente, intasando ogni azione, bloccando il pensiero. Aveva già sentito la tormenta percuotergli il corpo ed il vento sottrarre ogni più intima traccia d’energia, ma soltanto ora si rendeva veramente conto del glaciale abbraccio che gli intorpidiva le membra, era qualcosa di più della semplice sensazione, era come se il suo intero corpo si stesse trasformando in ghiaccio, era come se stesse diventando un corpo solidale con quell’universo.

, , , , , , , , , , , , ,