Libero

liberemanuele

  • Uomo
  • 34
  • Perugia
Vergine

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 8

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita liberemanuele a scrivere un Post!

Mi descrivo

" I am too high-born to be propertied, To be a secondary at control, Or useful serving-man and instrument To any sovereign state throughout the world. "

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

... meno.

I miei difetti

Pochi ...

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. "L'etica della libertà"
  2. Il suono della sorpresa.
  3. Il gusto della scoperta.

Tre cose che odio

  1. Pigrizia mentale.
  2. I programmi.
  3. L'arroganza.

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Prendo l'auto e parto

Vacanze Ko!

  • Tour organizzato
  • Passioni

    • Lettura
    • Suonare

    Musica

    • Blues
    • Jazz

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Saggi
    • Fumetti

    Film

    • Classici

    Libro preferito

    Il mondo come realtà e rappresentazione.

    Meta dei sogni

    Medio Oriente, Stati Uniti

    Film preferito

    Wall Street

    “Come dice la ragione, tutti nascono uguali per natura, ossia con pari diritto sulla propria persona, e un pari diritto alla sua conservazione … e giacché ogni uomo possiede la propria persona, [il frutto] della fatica del suo corpo e dell’opera delle sue mani è giustamente suo, e nessuno tranne lui può rivendicarlo come proprio; da ciò consegue che, quando toglie qualcosa dallo stato in cui la natura lo aveva posto, mescola con esso il proprio lavoro e vi aggiunge qualcosa di suo, rendendolo con ciò sua proprietà … Quindi, poiché tutti hanno diritto naturale – che definiamo proprietà – alla propria persona (cioè la possiedono), alle proprie azioni e al proprio lavoro, da ciò inevitabilmente segue che nessuno può accampare un diritto sulla persona e sui beni di un altro. E, chiunque ha diritto alla propria persona e ai propri averi ha anche il diritto di difenderli … e pertanto ha il diritto di punire qualsiasi offesa alla propria persona e ai propri beni.”

    Rev. Elisha Williams (1774)

    Sono  egoista, profondamente, ed è questo egoismo che mi dà la forza  di proteggere la mia dignità: forte della mia indipendenza e curioso nella consapevolezza di me stesso, delle mie capacità, ambizioni e carenze.

    "... ciò che c'è di buono, di alto e di nobile sulla terra è solo ciò che mantiene la propria integrità".

     "La Fonte Meravigliosa" Ayn Rand

    Mi è stato detto di essere conciliante nella vita, di non essere radicale nei giudizi: ma io sono "radicale". C'è la giustizia e l'ingiustizia, se mi piegassi alla seconda tradirei la prima, tradissi la prima non sarei più l'individuo libero che ritengo d'essere, perciò non esiste.

    Lo faccio per puro egoismo, l'altruista perdona, si fa lacerare dentro dall'ingiustizia: dato che io credo nella giustizia e che essa sia libertà, non mi piegherò mai alla logica di chi vuol asservire gli altri.

     Non ora. Spero mai.

    " ... E qui l'uomo fa fronte ad un' alternativa fondamentale: egli può sopravvivere in uno solo di due modi: per mezzo del lavoro indipendente della propria mente o come parassita della mente altrui. Il creatore agisce. Il parassita acquista. Il creatore fa fronte alla natura da solo. Il parassita attraverso un intermediario. Scopo del creatore è la conquista della natura. Scopo del parassita è la conquista degli uomini. Il creatore vive per il proprio lavoro. Egli non ha bisogno degli altri. Suo scopo principale è lui stesso. Il parassita ha bisogno degli altri. Gli altri diventano il suo scopo principale. Il bisogno principale del creatore è l'indipendenza. La mente che ragiona non può vivere sotto alcun tipo di obbligo. Per il creatore, ogni relazione con gli uomini è secondaria. Il bisogno fondamentale  del parassita è quello di assicurarsi i legami con gli uomini per venir nutrito. In primo luogo egli considera le relazioni. Dichiara che l'uomo esiste per servire gli altri. Predica l'altruismo. L'altruismo è la dottrina che chiede che l'uomo viva per gli altri e pone gli altri al di sopra di se stessi. ..."

    Howard Roark nel "La Fonte Meravigliosa" di Ayn Rand
    , , , , , , , , , , , , ,