Libero

lu_cafone

  • Uomo
  • 80
  • Elice
Bilancia

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 09 febbraio

Ultime visite

Visite al Profilo 6

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita lu_cafone a scrivere un Post!

Mi descrivo

Bongiorno, ie sò ‘Ndogne e me sò appen cumbrat lu compiuter ma angor capisc bone coma funzion... Vulete sapè chi so? E chi v’haia dicere? So’ cafone, zapp la terre, ting na freche di bestie e na’ moglie ‘nghi li baffe ca’ mi sembre Garibalde... Vabbò, mo mi ni vaje, cà dinga mogne li pecure pì fa lu cace... Si passet vicin alla casa mì firmetive, cà ci faceme nù bicchiere di vin bone alla facce di chi ci vò male... Salutamm compà!!

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

-

I miei pregi

so\' cuntadine, scarp gross e cirvello fino...

I miei difetti

sò cafone...

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. quand si cosa...
  2. la campagne
  3. l'aria pulite

Tre cose che odio

  1. quand 'nza cosuto...
  2. la città
  3. lu smogghe

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spirituale

Vacanze Ko!

  • Città d'arte
  • Passioni

    • Ballo

    Musica

    • Folk

    Cucina

    • Piatti italiani

    Film

    • Commedia

    traduzione...

    Salve a tutti, sono il figlio di "lu cafone", mi scuso per mio padre il quale ha deciso di sua spontanea volontà di far parte di questa community parlando solo ed eslusivamente la lingua che conosce. Io ho cercato di spiegargli che il resto del mondo non parla abruzzese, ma lui l'unica risposta che mi ha dato è stata:"E a me chi mi ni fregh? Significa cà mi legge solo quilli chi mi capisc", che tradotto significa: "A me non importa nulla, significa che mi leggeranno solo quelli che mi capiscono". Discorso che non fa una piega... Molte volte vi potrà sembrare diretto, ma in campagna sono abituati a dire pane al pane e, soprattutto, vino al vino. L'unica cosa che posso fare io è tradurre quello che lui andrà a scrivere per rendere partecipe tutti della sua saggezza contadina... La traduzione della sua presentazione è la seguente: Buongiorno, mi chiamo Antonio ed ho appena acquistato il PC, solo che ancora capisco bene come funziona. Volete sapere chi sono? Cosa vi devo dire? Sono un contadino, zappo la terra, ho tanti animali ed una moglie baffuta. Adesso devo andare perché devo mungere le pecore per fare il formaggio. Se passate dalle mie parti fermatevi a casa mia che ci beviamo insieme un bel bicchiere di vino alla faccia di ti chi ci vuole male. Io non sempre posso tradurre tutto, in particolar modo quello che lui scrive nel BLOG, ma se avete la curiosità di capire cosa va scrivendo mio padre, qui troverete il vocabolario abruzzese - italiano.  //www.abruzzo.fm/archivio/treppecore/treppecore.html

    Il toro Caino - Parte prima - Mi tocca tradurre

    ......................................................................................................................................

    Nella mia stalla ho un toro che si chiama Caino.  E’ un bell’esemplare, non tanto grande ma è molto forte. E’ anche intelligente perché capisce tutto quello che gli viene detto, non come il mio amico Giuseppe di Fagiolo (Fagiolo è il soprannome, o meglio è il “marchio di fabbrica” attraverso il quale in Abruzzo si identifica una famiglia e la sua stirpe, il cognome presso le nostre contrade è del tutto superfluo) che prima di capire una cosa ci mette ben due giorni... Molte persone vengono alla mia stalla per far coprire le proprie vacche, addirittura sono venuti anche dal Piemonte... Caino quando vede una mucca  pronta all’accoppiamento, prima la guarda e poi sembra che gli fa un mezzo sorriso, come se le volesse dire:”Adesso vedi che ti succede!!!”. E poi inizia la monta. Quando ha finito e scende da sopra la groppa della mucca è molto soddisfatto, ma anche la vacca non sembra affatto dispiaciuta. Caino si è accoppiato molte volte, beato lui!!! Solo che adesso è successa una cosa molto strana. L’altro giorno è venuto alla mia stalla un amico, che abita nei pressi di Chieti Scalo, a portare la sua vacca di nome Vincenzina per farla montare. Vincenzina, come è entrata nella stalla ha guardato Caino e si è paralizzata, ma non per la paura, l’ha guardato come se si fosse innamorata.

    Il toro Caino - Parte seconda

    .......................................................................................................................................

    Anche Caino come l’ha vista a assunto una strana espressione. Io e il mio amico ci siamo guardati e abbiamo pensato la stessa cosa:”Ma tu guarda a San Gabriele dell’Addolorata (San Gabriele è un santo locale al quale ci si rivolge spesso a sproposito, come in questo caso)! Vuoi vedere che anche le bestie si innamorano?”. Dopo la monta io e il mio amico siamo andati in cantina per bere un bicchiere di vino ed abbiamo lasciato soli i bovini. Quando siamo tornati alla stalla abbiamo visto che Caino e Vincenzina erano vicini, e si guardavano negli occhi come Romeo e Giulietta. “Oh per il granturco (altra espressione tipica abruzzese)!”, ha esclamato l’amico mio. Quello che ho detto io è meglio che non lo ripeto altrimenti il Padreterno si potrebbe infuriare. Quando abbiamo provato ad allontanare la mucca dal toro, essa ha iniziato a muggire molto forte come impazzita, e Caino non si riusciva a tenere fermo per quanto si era agitato. Insomma, per farla breve, il mio amico ha dovuto lasciare Vincenzina dentro la mia stalla, non solo, Caino adesso non vuole montare più nessuna vacca, sta sempre vicino a Vincenzina e si guardano con gli occhi dell’amore. Ossignore! Ma allora è vero! Anche gli animali si innamorano!!!

    Lu tore Caino - Prima part

    Ting nù tore dentre alla stalle chi si chiame Caino. E’ nà bella bestie, ni è tant gross ma è fort assai... E’ pure intelliggente, capisce tutte quelle che ie si dice, mica com Cumpà Pepp di Fasciul, che prime che capisce nà cose ci vò du jurne... Nù sacc di gende vè alla stalla mì a purtà li vacche pe falle ‘mbrenà, addiritture cianne nome menute anche da lu Piemonde... Caino coma ved nà vacca pronde, prima le guard e dope par cà ie fà nù mezze surrise, come se ie vulesse dice:”Si prond? Allor mò vid quelle che t’attocche!!!” E dopo abbije la feste... Quand à finte a muntà e arcala da ‘incima alla vacche, sta tutte suddisfatte, e pure la vacche nen sembre pinnind dispiaciut... Nà mundat di vacche Caino, beate ‘a ess!!!! 

    Solo mò a success nà cosa strana assai... L’atru jiurn à menuto alla stalla mè nù cumpar cà abbit vicin a Chijet Scal a purtà la vaccca sù, cà si chiame ‘Mincenzina, pì falla ‘mbrinà. Coma andrat dendre alla stall la bestie a guardate Caino a sà paralizzat, ma no pè la paura, la guardate a na strana manire, come se s’avesse ‘nammurat...

    Lu tore Caino - Seconda part

    .....................................................................................................................................................Dope Pure Caino come là vist à cagnate espression... Je e lu cumpare c’aveme guardat e avem penzat la stessa cose:”Ma tu vid a San Caprijele dell’Addolorata!!! Vu vedè cà mò pure li bestie s’innamor?” Dop chi sa fatt quelle che si aveia fà, je e lu cumpare c’avem jite a fà nù bicchiere a la cantina e avem lassate le dù bestie da sole. Quand aveme arijte alla stall aveme viste Caino e ‘Mincenzina chi stejine vicine vicine e si guardeglijine dentra all’ucchie che simbrejine Romeo e Giuliette... “Oh per la marrocca!!!!!!” dicise lu compare mè... Quelle che invece sò dett je è mije che ‘narcond sennò lu Padratern s’incazz...

    Quand avem pruvat a alluntà la vacche da lu tore, questa sà messa a strillà cà pareje cà s’aveglije ammattit, e Caino ‘nzi putei ammandenè chiù pì quand s’aveglije aggitat... ‘Nzomma, pe falla breve, lu compare à duvut lascià ‘Mincenzina dendr alla stalla mì, non zolo, Caino mò nen vò mondà chiù nisciuna vacca, stà sembre vicine a ‘Mincenzina e sà guardene ‘nghe l’ucchie dell’ammore...

    Lu Patratè!!! Ma allore pure li bestie s’innomor veramende!!!!

    , , , , , , , , , , , , ,