Libero
osservatore.rm

osservatore.rm

  • Uomo
  • 86
  • ROMA
Capricorno

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 09 aprile

Amici0

osservatore.rm non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Visite al Profilo 3.109

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita osservatore.rm a scrivere un Post!

Mi descrivo

Rispetta e sarai rispettato... un saluto a te che passi ...

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

-

I miei pregi

schiettezza

I miei difetti

stronzaggine diffusa e poca elasticità nei confronti della massa,ahahah...

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. lettura
  2. femminilità
  3. educazione ed intelligenza , merce rara..

Tre cose che odio

  1. a)..non so odiare,semplicemente ignoro....
  2. b) fastidio verso chi non rispetta le regole
  3. C) troppe regole....

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Città d'arte

Vacanze Ko!

  • Villaggio turistico
  • Passioni

    • Lettura
    • Cinema
    • Viaggi

    Cucina

    • Piatti italiani

    Sport

    • Sub
    • Running

    Libro preferito

    l'attuale...

    Meta dei sogni

    Australia e Nuova Zelanda, Canada

    Film preferito

    l'attimo fuggente

    sorry...

    Usando il tasto esplora girovago nella community , se vi incrocio è solo per curiosità....scusate l'intrusione non voluta....ciao

    riflessione...

    2

    sembra facile....

    Devi tornare ad apprezzare la semplicità. Non si può dare valore e importanza solo ai grandi eventi della vita. Bisogna sapere vedere la bellezza che c‘è anche nelle piccole cose. E' questo che ti fa sentire speciale, felice..... un bel pensiero di Sergio Bambaren

    Grande Bertoli...

    https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=jRN4k3QitN8

    da Aldo Fabrizi...

    MI' PADRE ME DICEVA: FA' ATTENZIONE... Mi' padre me diceva: fa' attenzione a chi chiacchiera troppo; a chi promette a chi dopo èsse entrato, fa: 'permette?'; a chi aribbarta spesso l'opinione e a quello, co' la testa da cojone, che nu' la cambia mai; a chi scommette; a chi le mano nu' le strigne strette; a quello che pìa ar volo ogni occasione pe' di' de sì e offrisse come amico; a chi te dice sempre 'so' d'accordo'; a chi s'atteggia come er più ber fico; a chi parla e se move sottotraccia; ma soprattutto a quello - er più balordo - che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

    da C.Chaplin

    Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei ! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali : canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l'opera finisca senza applausi...

    da Leo Buscaglia...

    Dovete continuare a crescere e a progredire. Ogni giorno dovete introdurre qualcosa di nuovo nella vostra vita. La vostra responsabilità principale è nei confronti di voi stessi. Se non la pensate così, non potete dare niente a nessuno. Potete dare soltanto ciò che avete. Se diventate vivi, se attraversate il mondo a passo di danza, facendo cose pazze, diventate affascinanti. È l’affinità che ci avvicina, ma è la novità che ci tiene insieme. Siate saggi, siate stimolanti, siate eccitanti, condividete idee nuove, crescete, progredite, evolvetevi. Non siate mai prevedibili..
    ..A ridere c'è il rischio di apparire sciocchi;
    a piangere c'è il rischio di essere chiamati sentimentali;
    a stabilire un contatto con un altro c'è il rischio di farsi coinvolgere;
    a mostrare i propri sentimenti c'è il rischio di mostrare il vostro vero io;
    a esporre le vostre idee e i vostri sogni c'è il rischio d'essere chiamati ingenui;
    Ad amare c'è il rischio di non essere corrisposti;
    a vivere c'è il rischio di morire;
    a sperare c'è il rischio della disperazione e
    a tentare c'è il rischio del fallimento.
    Ma bisogna correre i rischi, perché il rischio più grande nella vita è quello di non rischiare nulla.
    La persona che non rischia nulla, non è nulla e non diviene nulla. Può evitare la sofferenza e l'angoscia, ma non può imparare a sentire e cambiare e progredire e amare e vivere. Incatenata alle sue certezze, è schiava.
    Ha rinunciato alla libertà.
    Solo la persona che rischia è veramente libera....
    , , , , , , , , , , , , ,