Libero

paperina1964

  • Donna
  • 56
  • fermo
Vergine

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 27.941

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita paperina1964 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Se alcune vite formano un cerchio perfetto, altre assumono delle forme che non possiamo prevedere né comprendere appieno, il dolore è stato parte integrante del mio percorso, ma mi ha fatto capire che niente è più prezioso di un grande amore.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

simpatica... affidabile....sincera......e buona.. ma non pestatemi i piedi....altrimenti....

I miei difetti

troppo sensibile.......

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. i miei figli
  2. l'amore
  3. i miei amici

Tre cose che odio

  1. ipocrisia
  2. insensibilita
  3. falsita

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Montagna

Vacanze Ko!

  • Spirituale
  • Passioni

    • Lettura
    • Musica
    • Canto

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libro preferito

    il cacciatore di aquiloni, mille splendidi soli

    Meta dei sogni

    Irlanda e Scozia, India

    Film preferito

    ghost, le parole che non ti ho detto

    Narra una leggenda cinese di due amanti che non riescono mai a unirsi.
    Si chiamano Notte e Giorno. Nelle magiche ore del tramonto e dell'alba
    gli amanti si sfiorano e sono sul punto di incontrarsi, ma non succede mai.
    Dicono che se fai attenzione, puoi ascoltare i lamenti e vedere il cielo tingersi
    del rosso della loro rabbia. La leggenda afferma che gli dei
    hanno voluto concedere loro qualche attimo di felicità;
    per questo hanno creato le eclissi, nel corso delle quali gli amanti
    riescono a unirsi e fanno l'amore.
    Ora che abbiamo capito che non ci incontreremo mai più,
    che siamo condannati a vivere separati,
    che siamo la notte e il giorno.

    Ti amo, perché hai posto la tua mano sul mio cuore martellante, senza badare alle stupide e inutili cose che non puoi non notarvi.
    E perché ne hai tratto fuori gli elementi belli e luminosi
    che nessun altro vi ha mai cercato e trovato.

    UNA DONNA 

    Un bambino, vedendo sua madre piangere disperatamente le chiese: 
    "Mamma, perche' piangi?" ... 
    "Perche' sono una donna", rispose la madre. 
    "Non capisco" replico' il bambino. 
    La mamma lo abbracciò solamente e disse 
    "E non lo capirai mai". 

    Qualche giorno piu' tardi il bambino interrogo' il padre: 
    "Perché la mamma piange senza motivo?" 
    "Tutte le donne piangono senza motivo" 
    fu tutto quello che il padre pote' rispondere. 

    Il bambino crebbe e divento' un uomo, sempre senza aver 
    ottenuto risposta al perche' le donne piangano senza motivo. 

    Un giorno fece la stessa domanda a Dio e chiese: 
    "Dio, perché le donne piangono così facilmente?" 

    "Quando ho creato la donna ho dovuto farla speciale. 
    Le ho donato spalle forti per sopportare il peso del mondo, 
    e la gentilezza per donare conforto. 
    Le ho donato la forza per sopportare la fatica del dare la vita ad un 
    bambino ed il rifiuto che talvolta proviene dai suoi stessi figli. 


    Le ho donato la forza per continuare e resistere anche quando tutti si 
    arrendono, e per prendersi cura della sua famiglia attraverso la 
    malattia e la 
    fatica senza mai lamentarsi. 

    Le ho donato la sensibilità di amare i suoi figli nonostante tutto, 
    anche se i suoi figli la feriscono duramente. 

    Le ho donato la forza di aiutare il suo compagno negli errori della 
    vita: l'ho creata da una costola, affinche' protegga il suo cuore. 

    Le ho donato la saggezza per sapere che un buon marito non ferisce mai 
    sua moglie: verifica solo che sua moglie abbia la forza necessaria e 
    che sia in 
    grado di stargli accanto senza esitazione alcuna. 

    E da ultimo le ho donato lacrime da versare ogni volta che ne avesse 
    bisogno. 
    La bellezza di una donna non risiede negli abiti che indossa, o in 
    quale acconciatura porta. 

    La bellezza di una donna deve essere vista negli occhi, perche' essi 
    sono la porta del cuore: il posto dove vive l'amore". 

    Lentamente muore Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti. Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante. Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce. Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare. Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità. (P. Neruda)

    Da qualche parte ti cercherò

    Perche sei come l’aria che mi manca e in qualche punto della terra ci incontreremo

    Perché che ti ho scelto

    In questo strano tempo

    Dove i sogni sono mescolati

    Ai viaggi del mio cuore

    Sei dentro me

    Abbracciami

    E placa la tempesta del mio corpo

    Respiri in me abbracciami

    Perché che ti sento quando arrivi dentro

    In un momento disatteso

    E se annulli il mio respiro

    Sono preda del destino

    Saprò aspettare

    Come il grano aspetta il vento

    Quando sento il cullarsi di armonia e sentimento

    E saprò difenderti

    Con un cuore vivo e attento

    Nel fuoco del mio cuore

    Ti aspetterò se tu lo vuoi

    Nel respiro di un disegno

    Dove i ritagli hanno gli stessi sogni  di nuove stagioni

    Abbracciami

    Nelle onde di questo fuoco non avremo il tempo

    Per dimenticarci di questo filo che ci unisce


     
    Se un giorno ti venisse voglia di piangere....Chiamami. Non prometto di farti ridere,ma potrei piangere con te.... Se un giorno tu decidessi di scappare,non esitare a chiamarmi. Non prometto di chiederti di restare,ma potrei scappare con te. Se un giorno ti venisse voglia di non parlare con nessuno...chiamami. In quel momento prometto di starmene zitta. Ma..... se un giorno tu mi chiamassi e non rispondessi.... Vienimi incontro di corsa....forse ho bisogno di te!

    Non sono niente.
    Non sarò mai niente.
    Non posso volere d'essere niente.
    A parte ciò, ho in me tutti i sogni del mondo.
    , , , , , , , , , , , , ,