Libero

rude0

  • Uomo
  • 60
  • napoli
Scorpione

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita rude0 a scrivere un Post!

Mi descrivo

allegro, cerco di non complicarmi la vita...carpe diem....

Su di me

Situazione sentimentale

sposato/a

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

i miei difetti

I miei difetti

i miei pregi

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. devo proprio dirlo? :-)
  2. nessuna
  3. nessuna

Tre cose che odio

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Spiagge incontaminate

Vacanze Ko!

  • Campeggio
  • Passioni

    • Fotografia
    • Motori
    • Sport

    Musica

    • Pop
    • Rock

    Cucina

    • Piatti italiani

    Libri

    • Fantascienza
    • Gialli

    Sport

    • Nuoto
    • Arti marziali

    Film

    • Azione
    • Thriller

    Meta dei sogni

    Africa equatoriale, Isole dell'Oceano Indiano

    Film preferito

    blade runner

    Cucciolo Di Leone

    Alla fine non ricorderemo le parole dei nostri nemici ma i silenzi dei nostri amici...(M.L.K.)

    BASTA!!!!

    Le ali spezzate.

    Guarda gli occhi dei bambini.
    Ti portano in un mondo fatato,
    ti portano dove un tempo anche tu sei stato,
    un mondo popolato da colori e suoni
    che noi adulti non riusciamo più a vedere
    non riusciamo più ad ascoltare.
    Uccellini in un nido
    che sbattono le ali per poterle poi spiegare
    e volare verso la vita.
    Ma ci sono bambini a cui hanno spento
    i colori.
    Bambini a cui i suoni glieli hanno trasformati
    in urla.
    Bambini che non sanno più piangere
    perché non hanno più lacrime
    che non sanno più ridere
    perché gli hanno tolto il sorriso.
    che non possono più sognare
    perché gli hanno ucciso i sogni.
    Gli hanno rubato l’innocenza,
    negata l’infanzia
    E la favola si è trasformata
    in un incubo.
    Questi bambini sono quegli uccellini
    che volevano volare via dal Nido,
    volare verso la vita che gli aspettava.
    Non voleranno più
    perché gli hanno spezzato le ali.
    E tu uomo,
    tu che hai osato profanare quell’innocenza,
    tu che hai ucciso i loro sogni e le loro attese
    tu che gli hai rubato il tempo magico
    dell’infanzia
    tu che gli hai negato lacrime e sorrisi
    e che in cambio gli hai dato solo dolore,
    disperazione, e urla che il tuo cuore
    non ha voluto ascoltare.
    Tu uomo
    hai il coraggio di guardare
    negli occhi di un bambino?

    Image Hosted by ImageShack.us

    Questa è la coppa del Sorriso
    condividila con altri amici
    ne trarrai sempre di migliori .
    il sorriso degli amici è come il sole..
    illumina la strada e riscalda il cuore
    IN SEGNO DI AMICIZIA LA DONO A TUTTI
    COLORO CHE SONO NEL MIO SPAZIO AMICI

    LA PESCA

    astice Pictures, Images and Photos

    Regolamento: questo premio viene donato a chi si è

    dimostrato provetto pescatore

    Vivy ed io lo assegniamo, perchè abbiamo

    le prove, a

    rude0

    grazie a vivy ed a eleirbag1962

    POLIZIA POSTALE

    il Napoli, 13/06/2008

    POLIZIA POSTALE

    PEDOFILIA ON LINE 201 ARRESTI DAL 2002

    Dal 2002 ad oggi sono stati eseguiti in Italia 201 arresti, 4007 denunzie, 3949 perquisizioni per pedopornografia su Internet. I siti monitorati sono stati 273.334, dei quali 177 chiusi in Italia e 10.907 segnalati ad organismi stranieri.

    Secondo i dati raccolti dalla Postale nelle scuole secondarie italiane, il 91% dei minori naviga in rete ed il 27% utilizza le chat.

    Complessivamente sono stati circa 300 i domini e 700 gli indirizzi web che erano stati infettati e sono stati ripuliti dalle polizie di mezzo mondo. Le successive indagini, ancora in corso, hanno consentito di accertare che i gestori dei server non avevano alcuna responsabilità e che centinaia di utenti hanno acquistato le immagini e i video: nei loro confronti sono in corso accertamenti per valutarne la posizione e formulare le ipotesi di reato.
     
    "L'organizzazione - ha spiegato il responsabile del Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia sulla rete, il vice questore della polizia Elvira D'Amato - ha utilizzato la miglior tecnologia esistente, con sofisticate tecniche di 'web masquerating' messe al servizio della diffusione di materiale pedopornografico". Materiale che veniva pubblicizzato attraverso mail di 'spamming massivo'. Così facendo i criminali hanno "infettato siti italiani e di altri paesi assolutamente legittimi ma che non avevano un'adeguata protezione"..

    grazie

    MOTIVAZIONE: Per la lotta alla pedofilia io lo assegno a: rude0Premio D eci e lode

    BOLOGNA, 13 MAGGIO 2008 - Un anno vittima delle attenzioni morbose del padre, diventate sempre più pressanti, dopo la morte della madre lo scorso ottobre. Vittima una  tredicenne che sentendosi ancora piu' sola e indifesa nei confronti dell'uomo, che l'aveva anche minacciata di rimandarla in Marocco, a gennaio si e' confidata con due vicine di casa, una delle quali e' la madre di una sua compagna di scuola. Sono cosi' stati informati i servizi sociali del comune di residenza, e poi l'autorita' giudiziaria, che ha avviato le indagini e la polizia giudiziaria della Procura di Bologna ha arrestato, per violenza sessuale aggravata su minore, un marocchino, A.C., di 45 anni, in regola e residente con la famiglia in un paese della provincia.
    La tredicenne
    e' stata sentita dagli investigatori, con la collaborazione di un funzionario psicologo della polizia, e ha raccontato gli abusi subiti. Il primo episodio all'inizio del 2007, quando l'uomo era entrato nella sua cameretta, una mattina che erano soli in casa, e aveva cominciato a toccarla.
    Successivamente aveva cercato di entrare in bagno mentre lei faceva la doccia, dicendole che voleva insaponarla, mentre in un'altra occasione la tredicenne si era svegliata trovando il padre, nudo, che si masturbava nel suo letto. A febbraio il Pm titolare dell'indagine, Flavio Lazzarini, ha chiesto e ottenuto dal Gip Andrea Scarpa un provvedimento di custodia cautelare agli arresti domiciliari per il padre.
     
    Al momento dell'arresto, i due figli maschi dell'uomo, di 20 e 22 anni, hanno preso le sue difese, e il maggiore ha anche reagito contro i poliziotti.Il Tribunale del Riesame, cui si sono rivolti i difensori del quarantacinquenne, il 13 marzo ha rigettato la richiesta di liberta', mentre dalla fine di aprile il Gip lo ha autorizzato ad assentarsi da casa in orario lavorativo

    DONNE NEL MIRINO
    Tredicenne violentata dal padre: arrestato marocchino
    Sfugge allo stupro nascondendosi in un furgone

    Le attenzioni dell'uomo sulla figlia erano diventate più pressanti dopo la morte della madre. Al momento dell'arresto gli altri due figli maschi hanno reagito contro i poliziotti. 31enne romena aggredita da un conoscente ubriaco.

    Le dimensioni enormi della pedofilia on line: aumento del 300% solo nei primi mesi 2008 L’Osservatorio internazionale di Telefono Arcobaleno, Associazione, da dodici anni in prima linea contro la pedofilia on line, denuncia, in aperto contrasto con i dati rassicuranti diffusi oggi dalla Internet Watch Foundation, un incremento preoccupante della pedofilia in internet del 300% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. I siti pedofili accessibili via web in questo momento sono 2.148. “Il loro numero - sottolinea Giovanni Arena, presidente di Telefono Arcobaleno - non è assolutamente immutato negli ultimi tre anni, ma non ha arrestato la sua crescita anzi è triplicato, passando dai 13.315 siti del 2005 ai 39.418 siti del 2007” . ..I siti dedicati al pedobusiness sono solo una tipologia di quella che è la galassia di immagini e filmati che sfruttano in modo orribile l’infanzia per inseguire i gusti di consumatori, per lo più Statunitensi ed Europei. ....Come descritto nel Report dell’International Observatory on child pornography, l’Osservatorio Internazionale sulla pedofilia e sulla pornografia minorile di Telefono Arcobaleno, dal 1 gennaio 2008 a oggi, sono stati rilevati dall’Associazione, ben 14.562 siti, dei quali ne restano tuttora attivi 1.764. Di questi 357 risultano ancora attivi dal 2007 e 8 dal 2006; I siti web attivi vengono classificati dagli esperti informatici dell’Associazione come “resistenti” e risiedono negli Stati Uniti, in Russia e Olanda e stentano a chiudere. ....Giovanni Arena, Presidente di Telefono Arcobaleno, sottolinea: “In tutto il mondo i clienti aumentano e l’offerta si adegua, i prezzi salgono e le opportunità di profitto ormai hanno attratto l’attenzione di professionisti del crimine. Oggi non è più possibile rinviare la necessità ormai urgentemente, di un adeguamento degli strumenti di contrasto di quello che è un vero e proprio crimine contro l’umanità”.

    Quando li sconfiggeremo?

    Pedofilia : 3 arresti, 7 indagati in 4 regioni. In manette un uomo per abusi sulla nipote di 20 mesi

    Compiva atti sessuali sulla nipotina di solo 20 mesi, immortalando gli abusi con la propria macchina fotografica digitale.  Si tratta  un milanese arrestato in flagranza di reato. Altri due arresti sono stati eseguiti a Milano e Lucca nel corso di sette perquisizioni effettuate dal Compartimento Polizia Postale e Comunicazioni di Venezia nei confronti di altrettanti indagati. Decine i computer e migliaia di floppy disk,  CD ROM, nastri audiovisivi, decine di telefoni cellulari, di schede telefoniche e di supporti contenenti pornografia minorile  che sono stati sequestrati nel corso dell'operazione  della polizia postale  denominata "Melograno", di contrasto al fenomeno della pedo-pornografia on-line. L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Treviso, è  frutto di un'indagne che coinvolto  oltre al Veneto, anche la Lombardia, la Toscana ed il Lazio.

    Per acquisire credibilità sulla Rete, gli indagati si dichiaravano minori in cerca di contatti con coetanei. In questo modo riuscivano ad agganciare minori convinti di  comunicare con coetanei.    L'analisi del materiale ritrovato durante il blitz, svolta nell'immediato dagli esperti della Polizia Postale, ha evidenziato migliaia di video e foto  che ritraevano bambini impegnati in attività sessuali tra loro o con adulti,  questo ha consentito l'arresto in flagranza di reato.  In una delle abitazioni perquisite è stato, inoltre, ritrovato  materiale pornografico che ritraeva uno degli indagati impegnato in atti sessuali con la nipotina, di venti mesi. Lo stesso dovrà quindi rispondere anche dei reati di violenza sessuale nei confronti di minore, con l'aggravante dell'abuso del rapporto di convivenza e di produzione e commercio di materiale pedo-pornografico. Fra gli indagati, quasi tutti soggetti già coinvolti in indagini di pedopornografia, anche persone impegnate in attività a diretto contatto con ambienti giovanili.

    Un altro arresto con l'accusa di pedofilia è avvenuto a Palermo. Un uomo di 38 anni, ha confessato di aver violentato una bambina di un anno. Il pedofilo è stato identificato in poche ore di indagini dagli investigatori della sezione Reati in danno di minori e sessuali della Squadra Mobile, dopo che la bambina era stata portata in ospedale dai familiari.  L'indagato era stato fermato nel pomeriggio di ieri, e dopo un lungo interrogatorio nella notte ha ammesso le sue responsabilità. La vittima è la figlia della sua convivente. La vicenda era iniziata nella mattinata , dopo la segnalazione pervenuta dai medici dell'ospedale in cui la bimba era stata accompagnata dalla madre e dalla nonna, in preda a copiose emorragie genitali. I sanitari avevano subito riscontrato che il sanguinamento veniva da gravi lacerazioni e lesioni degli organi genitali, inequivocabilmente prodotti da uno stupro.  I poliziotti hanno avviato gli interrogatori dei familiari e dei loro amici, e i sospetti si sono subito indirizzati verso il convivente della madre della bambina. La piccola gli era stata affidata, e l'uomo, finora incensurato, era rimasto per qualche ora da solo con lei. L'indagato inizialmente aveva fornito una versione poco credibile sulle emorragie della piccola, ma nel corso dell'interrogatorio è crollato confessando.

    NUOVA OPERAZIONE IN AMERICA

    Settantadue persone sono state accusate - e cinquantadue di loro sono state arrestate - all’interno di un giro di vite su un’organizzazione mondiale specializzata nella promozione di materiale pedopornografico, lo ha detto il ministro della Giustizia Eric Holder accompagnato dal segretario alla Sicurezza Interna Janet Napolitano.

    Stando a quanto detto da Holder, l’Operazione Delego è stata lanciata due anni fa e ha preso di mira "centinaia di persone attorno al mondo per la loro presunta partecipazione a ‘Dreamboard’, una bacheca virtuale, accessibile ai soli membri, che promuoveva la pedofilia e l’abuso sessuale di minori".

    Il dipartimento di Giustizia americano afferma che Delego, grazie alla collaborazione internazionale, è la più grande operazione del suo genere. Tredici degli accusati si sono dichiarati colpevoli, quattro di loro sono stati condannati a pene che variano dai 20 ai 30 anni di reclusione.

    "Credo stiamo mandando un segnale chiaro a coloro che vogliono far del male e sfruttare i bambini", ha detto Hoyer, "vi troveremo. Vi fermeremo. E vi porteremo a giudizio".

    azione contro la pedofilia

    Operazione contro la pedofilia on line: la polizia ripulisce oltre 1000 siti, centinaia le denunce
    Oltre mille siti web di una trentina di paese, un centinaio dei quali italiani, infettati a insaputa dei gestori da un software che reindirizzava l'utente a pagine internet che ospitavano materiale pedopornografico. Li ha scoperti la polizia postale italiana che, con la collaborazione dell'Europol, li ha ripuliti, denunciando centinaia di persone che hanno acquistato foto e video con minori.

    L'indagine, coordinata dalla procura di Venezia e denominata 'Venice Carnival', è partita nel 2009 grazie ad una segnalazione di una nonna che, navigando sul web in cerca dei regali per i nipoti, ha cliccato su un link di shopping on line, finendo invece su un sito web di abusi sessuali su minori. Partendo dalla segnalazione gli agenti hanno trovato le stesse tracce informatiche in centinaia di siti di tutto il mondo. Sono quindi state inviate le segnalazioni alle altre polizie e all'Europol che hanno consentito di scoprire un'organizzazione criminale, probabilmente originaria dell'Europa dell'est, che era riuscita ad entrare nei server di aziende che non usavano sistemi di protezione, installando un software che reindirizzava automaticamente gli ignari utenti internet verso siti web illegali.

    impronta

    A colo

    ro che hanno la capacità di
    lasciare un segno,
    una impronta nel web,
    a coloro che mi hanno emozionato,
    che hanno saputo in questi mesi
    catturare la mia attenzione.

    "PREMIO REVOLUTION"

    mi è stato assegnato dal blog ANIMA

    v

    Contatore utenti connessi
    , , , , , , , , , , , , ,