Libero

xuomopassionalex

  • Uomo
  • 53
  • Sardegna
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 7 ore fa

Amici

xuomopassionalex non ha ancora amici. Chiedi l'amicizia prima di tutti!

Ultime visite

Visite al Profilo 6.810
Bacheca4 post
xuomopassionalex 21 gennaio

Con una donna come te
Soltanto un pazzo come me
Poteva credere e sognare
Non serve dire tanti se
Ma la risposta so qual è
Passar di mano ed aspettare

Nella mia mente t'ho dipinto
Con i colori dell'istinto
Ma come quella che non sei
E l'esperienza niente dà
E un po' di vita se ne va
Non resta altro che aspettare

Che male fa innamorarsi alla mia età!

Come ti diverte

Questo uomo inerte

Che insegue un sogno;

Ora è più evidente

Se ti tengo a mente

Che di te ho bisogno.

Con la bocca amara

Devo dirti: "Cara,

Amo solo te".

Io che avevo fiato

Ora son scoppiato

E ne porto il segno.

Io non son la roccia

Che non teme scossa;

Son di carne e ossa...

E chi sa domani

Proprio io dirò

A questo prezzo no.

 

Un monte fra noi
Mi vuoi diverso e passarlo non vuoi
Volando come io volo
Ho perso coscienza del suolo
Mi sono perso anche te

Che rabbia mi fai
Tu torneresti, ma non tornerai
Vivendo come viviamo
Con i problemi che abbiamo
Verrei la sera da te

 

Ti piace?
4

Mi descrivo

Pascola sulle mie labbra; e se quelle colline saranno asciutte, vaga più in basso, dove sono le fontane del piacere.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. sguardi complici
  2. sospirare
  3. sussurrare nell'orecchio

Tre cose che odio

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

I miei interessi

Libro preferito

Emmanuelle

Film preferito

Caligola

Noi siamo sardi

Noi siamo spagnoli, africani, fenici, cartaginesi,romani, arabi, pisani, bizantini, piemontesi.Siamo le ginestre d'oro giallo che spiovonosui sentieri rocciosi come grandi lampade accese.Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo,lo splendore del cielo, il bianco fiore del cisto.Siamo il regno ininterrotto del lentisco,delle onde che ruscellano i graniti antichi,della rosa canina,del vento, dell'immensità del mare.Siamo una terra antica di lunghi silenzi,di orizzonti ampi e puri, di piante fosche,di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta.
Noi siamo sardi.
(Grazia Deledda - Noi siamo Sardi)

 

La Sartiglia e Su Componidori

Anche il nome del capo corsa della Sartiglia, su Componidori, così come le origini stesse della giostra equestre, è legato alla dominazione spagnola nell'isola di Sardegna: il termine deriva da "componedor", ovvero il maestro di campo della "sortija" spagnola. Ogni anno il 2 febbraio, in occasione della festa della Candelora, i massimi rappresentanti dei due Gremi dei Contadini e dei Falegnami, a cui è demandata l'organizzazione dell'evento, nominano il rispettivo "capo corsa", uomo o donna che sia: da quel momento il cavaliere prescelto viene investito di un ruolo che nel corso dello svolgimento della Sartiglia lo trasformerà non solo nel "signore della corsa", ma anche in un semidio. Caratteristica, quest'ultima, che comporta una serie di rituali densi di sacralità, che già a partire da uno dei momenti più importanti della manifestazione, quello della sua vestizione, pone il cavaliere su un piano di trascendenza.

La sua figura è sublime e destinata a incarnare un sacerdote della fecondità. Forza, coraggio, abilità e purezza sono le caratteristiche che deve possedere e per conservare le quali dovrà prendere i sacramenti della confessione e della comunione, ma anche evitare di toccare la terra e gli stessi abiti, indossati i quali si trasformerà in un semidio. Così, accompagnato dal suono delle launeddas, il cavaliere sale su "sa mesita", una sorta di altare sul quale verrà vestito dalle massaieddas: da quel momento, affinché possa conservare la purezza e la forza necessarie a sfidare la sorte e ottenere la vittoria, il cavaliere non potrà più toccare il suolo. Ha inizio così il lungo e complesso rito della vestizione dal quale nascerà su Componidori e che terminerà nel momento in cui gli verrà cucita sul volto la maschera androgina di terra cotta (di colore bianco per il Componidori del Gremio dei Falegnami; del colore della terra per quello del Gremio dei Contadini), che lo renderà inavvicinabile e inarrivabile. Da quel momento, e per tutta la durata della corsa, su Componidori rappresenterà il semidio sceso in terra per donare agli uomini la fortuna e cacciare gli spiriti maligni.

Per questo, tra i numerosi gesti che segnano la sua solenne figura nel corso della manifestazione, non solo c'è quello che lo vede sfidare per primo la sorte, cercando di infilzare la stella di latta posta nella via antistante la Cattedrale, nel pieno borgo medievale di Oristano, ma anche quello della benedizione al popolo attraverso "Sa Pippia 'e Maju", il doppio mazzo di pervinche e viole mammole che simboleggiano l'arrivo della primavera, ossia la stagione della semina a cui seguirà il raccolto all'inizio dell'estate.

 

 

 

 

 

 

Poltu li Cogghj

Dal mare un Principe ismaelita approda per caso nel fiordo naturale di Porto Cervo e ne rimane stregato. Sono gli anni ’60 ed è amore a prima vista tra Karim Aga Khan IV, principe arabo e imam musulmano, e un tratto di Sardegna selvaggia e bellissima, un diamante grezzo avvolto dai profumi della macchia mediterranea, che dalle montagne degrada verso il mare incorniciando incantevoli spiagge. La sua preferita diventa la spiaggia del Principe, un arco di sabbia bianca circondato da uno scenario mozzafiato sul fondo di una profonda insenatura protetta da un promontorio di graniti rosa. Esclusiva per la sua bellezza, ma aperta a tutti: con una passeggiata di pochi minuti si arriva nel cuore verde, rosa, turchese e blu della Costa Smeralda, come il Principe ribattezzò questa parte di Gallura.

 

Valle Lontana

Questa canzone (in italiano: Valle lontana) è ispirata ad un fatto di cronaca realmente accaduto nel 1957 a San Lorenzo (frazione di Osilo), quando un grosso masso staccatosi da una collina, precipitò sul fondovalle, finendo sopra il tetto di un mulino dove dormiva un bambino di pochi mesi (Pietro Pisano) che vi rimase ucciso.  Nel testo si immagina che la madre del bambino ritorni nella valle il 10 di agosto, in occasione della festa di san Lorenzo, e se ne descrive il conflitto interiore tra la festa tutt’intorno e la memoria della tragica morte del figlio;  gioia e dolore si incrociano in un tormento drammatico che solo la fede nel santo riesce a placare. Dopo quasi 50 anni, questa canzone riesce ancora ad emozionare; questa è la ragione per cui fa parte del repertorio di tutti i cori polifonici sardi, ed è stata eseguita da tantissimi interpreti anche fuori dalla Sardegna, nella penisola e perfino in molti paesi del mondo, fino a renderla un cult del canto popolare sardo.

 

Uniti

 

, , , , , , , , , , , , ,