Libero

dinobarili

  • Uomo
  • 85
  • Trivolzio (Pavia)
Acquario

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: 2 ore fa

Ultime visite

Visite al Profilo 52.646

Bacheca

dinobarili 2 ore fa

PAVIA “PICCOLA PARIGI”

“MISTERO A BEREGUARDO”ROMANZO A PUNTATE - 218^ PUNTATA

(mini racconto (604) del 15 agosto 2020)     DINO SECONDO BARILI

L’AMORE … A FERRAGOSTO

Oggi, 15 agosto 2020 è Ferragosto. Una Festa che dura da duemila anni non può essere una Festa qualunque. Deve esserci qualcosa di magico. Questa mattina ne era più che convinta la Dott. Osvalda, una splendida trentenne pavese … alta, bionda, occhi azzurri, fisico da far perdere i sensi … studiosa e ricercatrice di antiche tradizioni pavesi. E, si, Pavia c’entra, c’entra sotto tutti gli aspetti. Infatti, anche duemila anni fa, Pavia è stata tra le città che ha festeggiato uno dei primi “ferragosti”, giorno in cui non si poteva svolgere alcuna attività … tranne che onorare l’Imperatore Augusto. Troppo facile, farsi dei problemi … quando c’è da far festa nessuno vi rinuncia. Nessuno. Oggi come … duemila anni fa. Ma, allora, c’era una motivazione in più. La gente aveva più Fede nella Divinità e conosceva “segreti” che oggi sono andati perduti. Sono proprio quei “segreti” che accendono l’interesse della Dott. Osvalda. Il suo scopo è quello di rintracciare, usi e costumi ormai scomparsi da secoli. Questa mattina, 15 agosto 2020, la trentenne si è svegliata con il desiderio di sfogliare alcune ricerche di qualche anno fa alle quali non aveva dato il peso che meritavano. Ha aperto uno dei suoi faldoni con appunti di ogni genere ed ha trovato ciò che cercava. Un appunto diceva … “il 15 Agosto, di primo mattino, in alcuni paesi del pavese, le donne si recavano a raccogliere acqua nella fontanella più lontana, in mezzo al Bosco delle Serenelle. Come mai?” La risposta non c’era, ma, a quell’epoca, tanti anni fa … il percorso dal paese alla fontanella … riservava qualche magico incontro. La Dott. Osvalda, non è solo studiosa e ricercatrice, cerca di trovare nelle antiche carte anche gli agganci con realtà attuale. Abitando a Pavia, la trentenne non ha bisogno di andare a raccogliere acqua alla “Fontanella delle Serenelle” … quel che conta è uscire di casa (dal Palazzo in Condominio in cui abita) e fare quattro passi per la città. E’ appunto quello che Osvalda ha fatto, questa mattina. Si è preparata davanti allo specchio e si è fatta la predica. “Osvalda, ora che sei in ordine … ricordati che stai compiendo un rito magico che risale a millenni fa … tieni gli occhi aperti in modo da non lasciarti sfuggire nulla” La raccomandazione è servita. Osvalda, prima di uscire dal Palazzo in chi abita, ha sentito il desiderio di aprire la Cassetta delle Lettere. Dentro la Cassetta, la sorpresa. Una lettera contenente una cartolina da Amsterdam. Era Davide, il Dott. Davide, un quarantenne da fine del mondo (per il quale la trentenne aveva preso una “cotta”) suo vicino di casa, che aveva lasciato Pavia due anni prima con un Contratto presso l’Università di quella città. La cartolina diceva. “Osvalda sei ancora libera da impegni sentimentali? A Ferragosto … sono a Pavia. Ti chiamo” A volte, il telefonino non serve … perché non da alla persona il tempo di pensare. Invece, il Dott. Davide voleva che Osvalda, prima di rispondere, avesse il tempo di pensare. Ora la trentenne era davanti alle Cassette delle Posta del Condominio con la cartolina in mano … e la testa in visibilio. Era quello che voleva, che sognava, desiderava … Non avrebbe mai immaginato che “la magia del Ferragosto” si manifestasse proprio con lei. In quell’istante, il Dott. Davide ha aperto il Portone del Palazzo e i due, Osvalda e Davide, si sono trovati una di fronte all’altro … cosa poteva accadere? I  due si sono baciati … le loro labbra si sono unite e non è servito alcun discorso. L’amore ama le parole … ma preferisce i baci. Un bacio vale mille parole … a Ferragosto.        

mini racconto (604) del 15 agosto 2020    DINO SECONDO BARILI

Ti piace?
1

Mi descrivo

Da tanti anni mi guardo allo specchio e cerco di capire chi sono. Per questo studio e scrivo ed ogni volta scopro un lato nuovo e interessante. La curiosità è il mio segreto per restare giovane e attivo.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

-

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. leggere
  2. scrivere
  3. ascoltare musica operistica

Tre cose che odio

  1. odiare è un verbo che non mi appartiene
  2. nessuna
  3. nessuna

Le storie

almanacco

 

GRUPPO "AMARE PAVIA"

"appuntamenti"

1

 2

 3

Bereguardo e intorni

incantesino a Casorate Primo

La fontana del re

, , , , , , , , , , , , ,