Libero

jumping.jacknoflash

  • Uomo
  • 54
  • uhovare
Bilancia

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 39.459

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita jumping.jacknoflash a scrivere un Post!

Mi descrivo

MISS YOU

Su di me

Situazione sentimentale

single

Lingue conosciute

Finlandese, ,

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

Tre cose che odio

  1. nessuna
  2. nessuna
  3. nessuna

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Montagna

Passioni

  • Trekking

Musica

  • Rock
  • Blues

Cucina

  • Piatti italiani

Libri

  • Narrativa
  • Classici

Sport

  • Trekking

Film

  • Drammatico
  • Fantascienza

Meta dei sogni

Canada, Islanda

no war

by jumping.jacknoflash

 

DSCN5417

IO NON CREDO NELLA GUERRA COME STRUMENTO. C'E' UN DATO INOPPUGNABILE: LA GUERRA E' UNO STRUMENTO CHE NON FUNZIONA, SEMPLICEMENTE NON FUNZIONA. ( GINO STRADA )

Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948

L'Assemblea Generale
proclama

la presente Dichiarazione Universale dei Diritti Dell'Uomo come ideale da raggiungersi da tutti i popoli e da tutte le Nazioni, al fine che ogni individuo e ogni organo della società, avendo costantemente presente questa Dichiarazione, si sforzi di promuovere, con l'insegnamento e l'educazione, il rispetto di questi diritti e di queste libertà e di garantirne, mediante misure progressive di carattere nazionale e internazionale, l'universale ed effettivo riconoscimento e rispetto tanto fra popoli degli stessi Stati membri, quanto fra quelli dei territori sottoposti alla loro giurisdizione.

Articolo 1

<<Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.>>

Ogni giorno muoiono ben 26 mila bambini, uno ogni 3 secondi

Nell’ultimo rapporto annuale dell’unicef sulla condizione dell’infanzia nel mondo si rileva che ogni giorno ben 26 mila bambini nel mondo con meno di cinque anni muoiono per cause del tutto evitabili come malattie infettive e fame. Per la prima volta nel 2006, le morti dei bambini sono scese sotto i 10 milioni (erano 20 milioni nel 1960), ma rimangono pur sempre cifre da Olocausto: 9,7 milioni di morti, 1 bambino muore ogni 3 secondi. Quasi la metà dei decessi sotto i cinque anni di vita avvengono nell’Africa sub-sahariana. Le cause? GUERRE, AIDS, MISERIA,SCHIAVITU'! 

NO WAR NO WAR NO WAR  WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

 

L'azione umanitaria dell'UNICEF in Darfur e nel resto del Sudan
 

Ogni giorno muoiono in Darfur 75 bambini sotto i 5 anni, in massima parte per infezioni e malattie facilmente prevenibili.

L'UNICEF opera in tutto il Sudan con una rete di uffici operativi sul campo, realizzando interventi nei settori sanitario, idrico, igienico, educativo e con programmi volti alla protezione dell'infanzia. 
  
L'UNICEF sta rispondendo alla grave emergenza umanitaria attraverso il trasporto e distribuzione di acqua potabile, la costruzione di servizi igienici d'emergenza, l'assistenza medica di base e contro la malnutrizione, gli interventi per l'istruzione e la protezione dei bambini nei campi per sfollati in Sudan e nei campi profughi nel Ciad.
 
Nel solo 2007 l'UNICEF ha vaccinato 1,
4
milioni di bambini contro la polio, garantito acqua potabile a 4,2 milioni di sfollati e profughi, assicurato assistenza sanitaria a oltre 3 milioni di persone, scavato più di 2.000 pozzi e aperto aule scolastiche in cui hanno potuto studiare quasi 900.000 bambini del Darfur (molti mai andati a scuola prima di allora).
 
Per il 2008 l'UNICEF punta a conseguire risultati ancora più importanti in tutti i settori in cui opera come agenzia leader (dalla fornitura di acqua e servizi igienici all'istruzione di emergenza, dalla protezione da abusi e sfruttamento alla prevenzione dai pericoli delle mine inesplose).
 

OBIETTIVO: sanità. nutrizione, acqua, istruzione e protezione dell'infanzia in Darfur e nelle altre zone di crisi

Il Sudan è il paese più vasto del continente africano e sta vivendo una delle crisi umanitarie più gravi del mondo.

Nel Sud Sudan, nonostante gli accordi di pace del 2005, le conseguenze di quasi 50 anni di conflitto armato rimangono gravissime: malaria, morbillo e febbre gialla sono molto diffuse tra i bambini e appena il 40% della popolazione dispone dell'accesso all'acqua potabile e a servizi igienici di base.

Nel Nord del paese, dove l'Accordo di pace per il Darfur è rimasto lettera morta, la guerra in corso dal 2003 ha dato corpo a una gravissima emergenza umanitaria: sono coinvolti oltre 4,2 milioni di persone, metà dei quali bambini
.

NO WAR NO WAR NO WAR  WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

 

logo di medici senza frontiere

 

La situazione attuale in Tibet

Attraverso una politica di sinizzazione il popolo tibetano rappresenta oggi una minoranza nella sua stessa patria. La popolazione cinese in Tibet conta ora otto milioni di persone mentre i tibetani sono solo sei milioni. La progettata ferrovia Golmud-Lhasa faciliterà ed incrementerà il trasferimento di cinesi in Tibet. Diritti fondamentali quali la libertà di riunione, di pensiero e di dimostrazione come pure lo studio e la pratica della religione sono continuamente violati. Il solo possesso di una fotografia del Dalai Lama viene duramente punito. Intimidazioni ed arresti arbitrari sono all’ordine del giorno come pure sistematiche torture ai reclusi. Molti prigionieri tibetani sono deceduti a causa di maltrattamenti e torture. Prima e durante la cosiddetta “Rivoluzione Culturale” (1966-1975) la maggior parte dei monasteri tibetani venne distrutta. Alcuni di essi furono successivamente ricostruiti ma non vi è concessa una libera pratica del culto. Monache e monaci vengono spiati, sottoposti a campagne di indottrinamento politico, costretti a denigrare pubblicamente il Dalai Lama. Molte costruzioni religiose sono degradate al solo ruolo di attrazioni turistiche. Le donne tibetane devono sottostare a rigorosi programmi sulle nascite, a sterilizzazioni ed aborti forzati. Le prigioniere vengono spesso maltrattate e violentate dalle guardie carcerarie o dagli agenti di sicurezza.

QUESTO PROFILO contiene immagini prelevate dalla rete pertanto tutti i diritti rimangono dei rispettivi autori e editori.  Se dovranno esserci rifrangimenti a regole di Copyright non è intenzionale e in caso di violazione di eventuali diritti, le immagini, in questione saranno rimosse dietro avviso e prova di autenticità.

Monaci bambini

Free Tibet

Furio Calcagni

Credo nel potere del riso e delle lacrime come antidoto all'odio e al terrore.

Charlie Chaplin

CHE SIA PACE, FINALMENTE


La colomba della pace vola di blog in blog. Aiutiamola a fare il giro del mondo

NO WAR NO WAR NO WAR  WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

La tragedia del Darfur

NO WAR NO WAR NO WAR  WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO WAR NO

 
 
, , , , , , , , , , , , ,