Libero

puck_1973

  • Donna
  • 49
  • no comment
Vergine

Mi trovi anche qui

ultimo accesso: più di un mese fa

Ultime visite

Visite al Profilo 6.892

Bacheca

Questa Bacheca è ancora vuota. Invita puck_1973 a scrivere un Post!

Mi descrivo

Cammino nella vita come un acrobata sulla corda, non voglio smettere di sognare e voglio un giorno volare.

Su di me

Situazione sentimentale

-

Lingue conosciute

Inglese

I miei pregi

-

I miei difetti

-

Amo & Odio

Tre cose che amo

  1. leggere
  2. le fate
  3. l' intelligenza

Tre cose che odio

  1. io
  2. non
  3. odio

I miei interessi

Vacanze Ok!

  • Prendo l'auto e parto

Vacanze Ko!

  • Crociera
  • Passioni

    • Arte
    • Lettura

    Musica

    • Folk

    Cucina

    • Piatti italiani
    • Cinese

    Libri

    • Diari di viaggio
    • Saggi

    Sport

    • Nuoto

    Film

    • Fantascienza
    • Thriller

    Meta dei sogni

    Irlanda e Scozia, Isole dell'Oceano Indiano

    12

    .....di gioia....

    Recados e Imagens - Duendes - Orkut

    ...e a chi la pensa diversamente rispono:" nessuno ti ha chiesto di entrare qua".






    Recados e Imagens - Fadas - Orkut



    Recados e Imagens - Fadas - Orkut



    3

    29

    10

    5

    1

    30

    27

    FINALMENTE!!!!!!!! LA RESA DEI CONTI!!!!!

    22

    per mia figlia

    PER MIA FIGLIA 

    15

    video 1

    23

    immagini laterali 4

     

    26

    io ti chiesi



    Io ti chiesi perché i tuoi occhi
    si soffermano nei miei
    come una casta stella del cielo
    in un oscuro flutto.

    Mi hai guardato a lungo
    come si saggia un bimbo con lo sguardo,
    mi hai detto poi, con gentilezza:
    ti voglio bene, perché sei tanto triste

    - Hermann Hesse

    9

    Quanto ancor più bella sembra la bellezza,
    per quel ricco ornamento che virtù le dona!
    Bella ci appar la rosa, ma più bella la pensiamo
    per la soave essenza che vive dentro a lei.
    Anche le selvatiche hanno tinte molto intense
    simili al colore delle rose profumate,
    hanno le stesse spine e giocano con lo stesso brio
    quando la brezza d'estate ne schiude gli ascosi boccioli:
    ma poiché il loro pregio è solo l'apparenza,
    abbandonate vivono, sfioriscono neglette e
    solitarie muoiono. Non così per le fragranti rose:
    la loro dolce morte divien soavissimo profumo:
    e così è; per te, fiore stupendo e ambito,
    come appassirai, i miei versi stilleran la tua virtù.

    20

    24

    13

    Anima mia

    Anima mia
    chiudi gli occhi
    piano piano
    e come s'affonda nell'acqua
    immergiti nel sonno
    nuda e vestita di bianco
    il più bello dei sogni
    ti accoglierà

    anima mia
    chiudi gli occhi
    piano piano
    abbandonati come nell'arco delle mie braccia
    nel tuo sonno non dimenticarmi
    chiudi gli occhi pian piano
    i tuoi occhi marroni
    dove brucia una fiamma verde
    anima mia.

    - Nazim Hikmet

    17

    18

    7

    ...GRAZIE....

    ...CON IL CUORE...

    Il Passato

    E' una curiosa creatura il passato
    Ed a guardarlo in viso
    Si può approdare all'estasi
    O alla disperazione.

    Se qualcuno l'incontra disarmato,
    Presto, gli grido, fuggi!
    Quelle sue munizioni arrugginite
    Possono ancora uccidere!

    - Emily Dickinson

    immagini laterali

    No, non dire mai che il mio cuore è stato falso
    Anche se l'assenza sembrò ridurre la mia fiamma;
    come non è facil ch'io mi stacchi da me stesso,
    così è della mia anima che vive nel tuo petto:
    quello è il rifugio mio d'amore; se ho vagato
    come chi viaggia, io di nuovo lì ritorno
    fedelmente puntuale, non mutato dagli eventi,
    tanto ch'io stesso porto acqua alle mie colpe.
    Non credere mai, pur se in me regnassero
    tutte le debolezze che insidiano la carne,
    ch'io mi possa macchiare in modo tanto assurdo
    da perdere per niente la somma dei tuoi pregi:
    perché niente io chiamo questo immenso universo
    tranne te, mia rosa; in esso tu sei il mio tutto.

    immagini laterali 11

    21

    25

    28

    31

    "La valle dell'inquietudine"

    Un tempo sorrideva silenziosa
    una piccola valle dove nessuno più abitava:
    la gente era partita per le guerre,
    affidando ai miti occhi delle stelle, a notte,
    dalle alte torri azzurre, la custodia
    di quei fiori, sopra i quali, per tutto il giorno,
    pigramente indugiava la rossa luce del sole.

    Ora invece al viandante che di lì passasse
    si mostrerebbe il tristo stato di quella valle.
    Nulla è ora lì che stia senza un moto:
    nulla, tranne l'aria che immobile sovrasta
    su quella magica solitudine.

    Oh, non un soffio più sommuove quelle fronde,
    che ora palpitano come gelide onde
    d'intorno alle nebbiose, lontane Ebridi!
    Oh, non un vento sospinge quelle nuvole,
    che con gravezza si spostano nel cielo inquieto,
    dal chiaro mattino fino a sera,
    sui fitti campi delle viole non colte –
    miriadi d'occhi umani d'ogni foggia –
    e sui gigli che ondeggiano e gemono
    sopra una tomba che non ha nome!
    Ondeggiano: dalle cime profumate
    rugiade cadono in gocciole immortali.
    Gemono: dagli steli delicati
    discendono gemme d'eterne lacrime.

    Poe

    32

    , , , , , , , , , , , , ,